SPOSI ECOLOGICI!

Oggi sposi, equi e solidali
anche il vestito è bio di BENEDETTA PERILLI (laRepubblica.it)



Il vestito biodegradabile


La sposa si avvicina all'altare vestita di biopolimeri di mais biodegradabile: nella chiesa addobbata di fiori organici, lo sposo l'attende in completo di lino bianco. La cena biologica, a base di spezie e prodotti locali, sarà servita in cesti del Mozambico e poi gli sposi partiranno per un viaggio di nozze responsabile che li porterà ad attraversare il Buthan in bicicletta.


Questo è un esempio di quello che negli Stati Uniti si definisce un ethical wedding, un matrimonio organizzato tenendo conto dell'impatto ambientale e sociale che ogni scelta può comportare. Una sorta di status-symbol al contrario per coppie che hanno adottato l'eticità come stile di vita.


Anche i vip si sono fatti prendere dal matrimonio ecologico, basti pensare a Stella McCartney che al grido di "essere etici vuol dire dimostrare che il matrimonio non è solo io, io, io" invitava amici e parenti ad interrare piantine nel parco.


L'identikit. Ma chi sono gli sposi etici? Giovani e impegnati, hanno una scolarizzazione alta, spesso laureati, appartengono ad una classe sociale medio-bassa, praticano il volontariato e frequentano le botteghe del mondo, negozi che vendono prodotti d'artigianato di paesi in via di sviluppo e garantiscono trattamenti economici equi ai produttori.                               


Ed è proprio da qui che solitamente parte l'organizzazione del matrimonio etico. Bomboniere, inviti e liste di nozze possono essere comodamente ordinate tutte presso la stessa bottega: carte ecologiche di juta, di giacinto e di paglia, inchiostri naturali, ceramiche e legni africani.


Queste le soluzioni più tradizionali, ma i veri sposi responsabili optano per bomboniere e lista solidale. Vogliono che le nozze non siano solo un loro momento di gioia ma un'occasione per aiutare i più bisognosi.


Così ecco che al posto del solito piattino inciso arriva un cartoncino che informa che i soldi per le bomboniere sono stati investiti in una comunità in via di sviluppo. Molti rinunciano anche alla lavatrice e al televisore a schermo piatto, al posto della lista di nozze gli invitati versano una somma di denaro per contribuire ad un'opera di carità come l'acquisto di una biblioteca in un villaggio afgano o di un cammello per una comunità etiope.


Lo staff : http://www.italian-weddingplanners.com/