Bomboniera o beneficenza? Meglio entrambe, no?!?

Vi è mai capitato di partecipare ad un matrimonio e di ricevere al posto della bomboniera una pergamena o un bigliettino nel quale si palesava la scelta degli Sposi di aver devoluto in beneficenza la cifra altrimenti destinata alle bomboniere?
Beh...è un'usanza sempre più frequenta in Italia, ma riflettendoci bene, non sarebbe più elegante non comunicare questo gesto, così bello e puro, tanto esplicitamente? Non si rischia di togliere un po' del valore intrinseco alla beneficenza, ovvero l'altruismo incondizionato, se si sceglie di renderlo pubblico in modo così evidente e manifesto?
Noi siamo sempre stati combattuti riguardo questa scelta, ma di certo apprezziamo ed appoggiamo a prescindere ogni forma di solidarietà, purché reale (amici ci hanno addirittura detto che questa soluzione in alcuni casi stia diventando una subdola tecnica di alcune coppie per risparmiare sulle bomboniere...bah...un po' triste non trovate?!).
Ci siamo permessi questa premessa, in quanto parlando con un nostro fidato collaboratore, ovvero Andrea Labadini, titolare di Arte Nastro, ci siamo confrontati riguardo la beneficenza, che, ovviamente, anche per lui è qualcosa di importantissimo, ma lo è altrettanto rispettare la tradizione del matrimonio e con essa permettere alle attività commerciali ad esso legate, soprattutto in un periodo di crisi come questo, di continuare a poter operare al meglio per i propri clienti e per gli Sposi.

Questo non significa non fare beneficenza, sia chiaro! Il messaggio di Andrea è cristallino e molto sincero, vale a dire che va benissimo devolvere una parte del budget del matrimonio ad un ente benefico, ma lo si può fare anche mantenendo intatta la tradizione della bomboniera, che resterà come ricordo indelebile del vostro matrimonio ai vostri cari e tutti gli invitati, compiendo, inoltre, un'azione egualmente altruistica andando ad aiutare il commerciante in questione con i vostri acquisti...e diciamocela tutta, forse questo è il modo più sicuro per sapere a chi e dove effettivamente vanno i vostri soldi!

Noi ci permettiamo di aggiungere che gli stessi invitati possono essere coinvolti in azioni benefiche in svariati modi e questo vi renderà ancora più fieri ed orgogliosi del vostro gesto, oltre a poter devolvere una cifra, sicuramente, maggiore alla causa che vi sta più a cuore.

Operatori del settore come Andrea ogni giorno fanno il proprio lavoro in maniera coerente ed appassionata, alla ricerca delle soluzioni migliori per rendere unici i vostri eventi e questo non può passare in secondo piano e siamo certi che comprenderete il coraggio e l'assoluta buonafede di chi da anni vede i cambiamenti nel mondo del matrimonio, valutandone i pro ed i contro con esperienza ed oggettività.

Abbiamo preso ad esempio l'azienda di Andrea, ovvero Arte Nastro, perché si tratta di un'azienda sana, che nonostante la crisi ha avuto il coraggio di puntare anche sul made in Italy proprio per continuare ad implementare l'economia nazionale e che si pone come punto di riferimento per i migliori operatori del settore (Wedding planners, Fioristi, Cake Designers, Caterings, Locations ecc...) per gli allestimenti di matrimonio ed in particolare di quelli a tema ecologico.

Vi consigliamo di fare due chiacchiere con Andrea ed il suo staff contattandoli tramite il sito: http://www.artenastro.com.